INFO: YOU CAN CLICK ALL THE PHOTOS TO ENLARGE THEM FOR A CLEARER VIEW

mardi 23 janvier 2007

Da "Canzone Carnascialesche" di Lorenzo de' Medici.


Dalla Canzona de' Profumi.

[...]
Quanto è una buona spanna
vaselletti lunghi abbiamo;
se dicessi: - Altri v'inganna -
noi ve li porremo in mano:
ritti al luogo li mettiamo;
nella punta acceso è il foco,
onde sparge a poco a poco
dolce odor, che ha gran potenza.

Or dell'olio vogliam dire:
ha odore e virtù tanta,
che fa altri risentire
dal capo insino alla pianta.
L'olio è una cosa santa,
s'è stillato in buona boccia:
esce fuori a goccia a goccia;
se più pena, ha più potenza.

L'olio sana ogni dolore
e risolve ogni durezza;
tira a sè tutto l'umore,
trae dal membro la caldezza,
penetrando la dolcezza
quanto più forte stropicci:
se hai triemiti o capricci,
usa l'olio e sarai senza.
[...]

Dalla Canzona delle Foreste.

[...]
Cetriuoli abbiamo e grossi,
di fuor pur ronchiosi e strani;
paion quasi pien' di cossi,
poi sono apritivi e strani;
e' si piglion con duo mani:
di fuor lieva un pò di buccia,
apri ben la bocca e succia;
chi s'avezza, e' non fa male.
[...]

Lorenzo de' Medici visse tra il 1449 e il 1492. Per queste canzoni s'ispirò alla tradizione popolare e buffonesca del carnevale, rinnovando i metri e facendo comporre da musici nuove arie che accompagnassero i testi. Queste composizioni venivano cantate su carri addobbati da compagnie di uomini mascherati, rappresentanti il trionfo di divinità pagane o di virtù allegoriche o delle arti e mestieri. Temi: esaltazione della vita gioiosa e del diletto sensuale, il motivo della bellezza fuggitiva, l'invito a godere la breve stagione della giovinezza. Il testo intero è reperibile cliccando sull'immagine.

2 commentaires:

cristiano a dit…

queste due composizioni di lorenzo de' medici sono bellissime, purtroppo l'immagine non viene visualizzata, perciò non le posso leggere per intero

cristiano a dit…

... rettifico, sarà stato un momento di bassa tensione per la rete, ora l'immagine viene correttamente visualizzata, grazie per i tuoi approfondimenti letterari (non ipocriti) sulla cultura omosessuale :-)